Gnocchi del Casentino

Una ricetta primi piatti che pur composti da ingredienti modesti, vi faranno fare una bellissima figura quando li porterete in tavola, anche per il loro gusto squisito.

Questa ricetta, presa dal libro di cucina Toscana di Giovanni Righi Perenti, è molto semplice da preparare e possiamo anche anticipare la preparazione, che male non gli fa visto che hanno bisogno di riposare prima di essere cotti.

Gli gnocchi del Casentino sono originari di Poppi dove nel suo castello Arrigo VI, uno dei tanti conti Guidi, conobbe questa ricetta.

Gli gnocchi possono essere conditi con vari sughi, besciamella e ripassati in forno, con un buon sugo di carne (io per esempio li ho conditi con il sugo della Scottiglia), ma anche serviti nello stesso brodo in cui li cuociamo, se vogliamo così prepararli.

Comunque anche per esperienza personale, posso garantivi che sono buoni anche con semplice burro fuso e parmigiano, una vera bontà.

Ma vediamo cosa occorre.

INGREDIENTI PER 4/6 PERSONE:

  • 300 g di ricotta fresca
  • 300 g di spinaci
  • 100 g di parmigiano grattugiato
  • 4 uova
  • sale
  • pepe
  • un pizzico di noce moscata
  • farina q.b

Passiamo alla preparazione della ricetta primi piatti

GNOCCHI DEL CASENTINO

Inseriamo in una ciotola la ricotta, gli spinaci scottati (la ricetta racconta che: alcune massaie usavano insaporire gli spinaci, preparati per questa ricetta, in un leggero soffritto di burro e cipolla), il parmigiano, le uova, il sale, il pepe e un pizzico di noce moscata.

Impastare il tutto e usando poca farina (all’incirca 3/4 cucchiai), addensare l’impasto. Risulterà sempre molto morbido e così deve essere.

A questo punto con l’aiuto di un cucchiaio formare delle palline di media grandezza; naturalmente più saranno grandi più la cottura sarà lunga.

Formate le palline, facciamole riposare una buona mezz’ora, ma se potete anche di più.

A questo punto possiamo cuocerle e possiamo farlo in acqua o in brodo, ma sempre con un minimo bollore.

Quando saliranno a galla allora sono cotti.

Se la cottura è avvenuta nel brodo, possiamo servirli nello stesso brodo; altrimenti possiamo servirli asciutti, conditi con abbondante sugo di carne.

Ma anche se li ponete nel piatto di portata e li cospargerete di burro fuso e parmigiano, andranno ugualmente a ruba!

Gnocchi del Casentino


 

Cucina Casareccia

Sono Maria Rosaria a cui piace chiacchierare soprattutto in cucina di cucina, raccontare di cibo e di come è importante prepararlo in casa per avere sempre ricette gustose e sane. Se non lo si può preparare in casa allora occorre comprare con consapevolezza e leggere l'etichetta con esattezza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.