Orata ripiena

Orata ripiena


Una ricetta secondi di pesce, molto semplice da preparare e anche veloce.

L’orata è uno tra i pesci preferiti della mia famiglia, ha un buon sapore e non ha molte spine; si presta bene anche nella preparazione di tante ricette come quelle che trovate sul blog

L’orata ripiena è una ricetta che possiamo preparare anche in anticipo, per poi riscaldare in forno poco prima di servire.

Quando la preparerete, sentirete che profumo, nessuno potrà rifiutare l’orata ripiena.

Ma vediamo cosa occorre.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

  • 2 orate da 300 g ognuna
  • 6 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 6 cucchiai di pan grattato
  • 1 spicchio d’aglio
  • 6 foglie di alloro
  • olio extravergine d’oliva
  • sale e pepe

Passiamo alla preparazione della ricetta secondi di pesce

ORATA RIPIENA

La prima operazione è quella di pulire le orate, se non sono state già pulite dal vostro pescivendolo di fiducia.

Eliminiamo le squame e priviamole delle interiora e della lisca centrale, cercando di non dividerle in due parti.

Laviamole e asciughiamole.

Prepariamo a parte il ripieno.

In una ciotolina inseriamo il parmigiano, il pangrattato, lo spicchio d’aglio tritato molto finemente, il sale e pepe; mescoliamo con un cucchiaio di legno. Ma

Distribuiamo una parte del composto all’interno delle orate.

1

Nella rimanenza passiamo le orate da entrambi i lati, facendo ben aderire il composto.

Spennelliamo di olio una pirofila e adagiamo sul fondo le foglie di alloro dopo averle pulite.

Adagiamo poi, sulle foglie di alloro le orate impanate.

2

Irroriamo le orate ripiene con un filo d’olio e inforniamo in forno già caldo a 170° e lasciamo cuocere per 25/30 minuti circa, bagnandole di tanto in tanto con il fondo di cottura.

Appena pronte togliamo le orate ripiene dal forno e serviamole ancora calde, accompagnandole con la polenta fumante. E’ davvero un ottimo abbinamento, credetemi.

Orata ripiena
Orata ripiena

[wdi_feed id=”1″]



13 thoughts on “Orata ripiena

  1. Mai provato l’abbinamento formaggio e pesce. L’aspetto della tua orata però è un invito a provare. Grazie per la tua ricetta, me la segno tra quelle da fare!

Ciao! Ti va di lasciarmi un commento per farmi sapere se ti è piaciuta?