Baccalà sotto sale: ammollo come farlo in casa

Baccalà sotto sale: ammollo

Il baccalà è l’alimento costituito dal merluzzo bianco, pesce presente nell‘Oceano Atlantico settentrionale, conservato sotto sale.

La salagione ne consente la conservazione per lungo tempo, e per questo viene impiegata fin dai tempi lontanissimi per consentire il trasporto e la consumazione del pesce in luoghi anche molto distanti da quelli di origine (Wikipedia).

Questa preparazione è facile e conveniente, perché si risparmia più comprando il baccalà da dissalare sale piuttosto che quello già in vendita dissalato.

Ci vuole solo un po’ di pazienza (2 o 3 giorni) però poi è pronto per essere cotto a piacimento.

Come dissalare il baccalà

Baccalà sotto sale: ammollo come farlo in casa

Tagliare a pezzi piuttosto piccoli il baccalà, sia con l’aiuto di un coltello che di forbici.

Se si preferisce è possibile lasciare intero il filetto di baccalà, solo che occorreranno almeno altri due giorni di ammollo.

Una volta ottenuti i pezzi inserirli in una ciotola e riempirla d’acqua, fino a che i pezzi di baccalà siano completamente sommersi.

L’acqua inizialmente apparirà opaca, ma è normale.

Baccalà sotto sale: ammollo come farlo in casa

Lasciarlo in ammollo per 2 giorni, avendo cura di cambiare l’acqua tutti i giorni sia la mattina che la sera.

Man mano l’acqua sarà sempre più chiara e i pezzetti tenderanno a ingrossarsi.

Baccalà sotto sale: ammollo come farlo in casa

Trascorsi i 2 giorni, assaggiate il baccalà e se sembra ancora un po’ troppo salato lasciarlo in ammollo ancora per un altro giorno, cambiando sempre l’acqua.

A questo punto il baccalà è pronto per essere utilizzato per una ricetta di vostro gradimento, avendo cura di asciugarlo sempre prima di cucinarlo.

Baccalà sotto sale: ammollo come farlo in casa
Baccalà sotto sale: ammollo

Differenza tra baccalà e stoccafisso

Occorre partire dal fatto che sono entrambi pesce azzurro nello specifico merluzzo e la differenza sta nella conservazione.

E’ il processo che cambia:

  • baccalà: viene conservato mettendolo sotto sale per almeno 3 settimane, ma può anche essere essiccato dopo la salatura;
  • stoccafisso: viene fatto essiccare

Ricette con il baccalà

Cucina Casareccia

Sono Maria Rosaria a cui piace chiacchierare soprattutto in cucina di cucina, raccontare di cibo e di come è importante prepararlo in casa per avere sempre ricette gustose e sane. Se non lo si può preparare in casa allora occorre comprare con consapevolezza e leggere l'etichetta con esattezza!

Articoli consigliati

0 commenti

  1. Aless

    Utilissimo post, grazie mille!!

  2. Diciamo che ci siamo quasi, dimenticato un fatto fondamentale per la buona riuscita, la temperatura deve essere bassa e l’acqua meglio se possibile corrente anche se a filo.

    1. cucinacasareccia

      Ma non volevo certo avere la presunzione di un metodo perfetto, è quello che utilizzo io ed è da anni! 😉 E poi sinceramente se devo tenere per 3 giorni il baccalà sotto un filo d’acqua corrente, compro quello già ammollato, risparmio 😉
      Grazie comunque del tuo contributo!!!

  3. Sicuramente neanche il mio è un metodo perfetto, ascoltando i consigli l’ho perfezionato e lo perfezionerò sicuramente ancora. C’è chi ha le fonti, senza acquistare dagli acquedotti e può permetterselo. Comunque se io bagno da me baccalà e stoccafisso non è per la convenienza, che non disprezzo, lo faccio perché così so che uso solo acqua e non additivi sbiancanti ed altro

Ciao! Ti va di lasciarmi un commento per farmi sapere se ti è piaciuta?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: